Battisti - Panella: da Don Giovanni a Hegel
 

29 Settembre 2016

- indietro | avanti -

immagine 

Mi piace pensare a Battisti e Panella che da dietro il loro metaforico alambicco si prendono gioco dell'ascoltatore e riflettono su se stessi scambiandosi opinioni sull’essenza che sapientemente ricavano non da piante e fiori, ma dalla sostanza della musica e della parola.

«Noi dietro una colonna ridevamo per l’aneddoto / e ci contrastavamo amabilmente / su aria, fiato e facoltà vitale / su brio d’intelligenza / sull’indole e sull’estro / soffio, refolo, vento e venticello / sull’essenza e sulla soluzione / sul volatile e sulla proporzione / sul naturale e sul denaturato».

Estetica - Hegel(1994)



Barattolo segui su facebook

- il blog | facebook -